martedì 22 gennaio 2013

Le droghe intelligenti non proibite


Fonte: saluteme.it
Le 'smart drugs' (nootropo), spiega Anna Lisa Muntoni dell'Istituto di neuroscienze (In) del Cnr di Cagliari, migliorano attenzione, concentrazione, apprendimento, memoria, linguaggio; dopo qualche giorno però svaniscono e rimangono seri effetti collaterali.
Queste droghe intelligenti, furbe o low-cost, facilmente reperibili su internet o negli smart-shop, sono diventate lo sballo preferito dai giovani nelle discoteche e nelle palestre. E adesso anche l'aiutino di chi deve affrontare l'esame di maturità, ma secondo l'Istituto Superiore di Sanità possono essere molto pericolose per la salute.
L'Iss ha messo a punto uno specifico manuale nel quale ha classificato le 25 'droghe furbe' più pericolose. Per ciascuna sostanza viene indicata la specie, il principio attivo, la provenienza geografica, le proprietà e gli effetti avversi, l'uso che ne fanno le popolazioni indigene e quello attuale.
Il manuale, che analizza per la prima volta questo tipo di sostanze, e' stato distribuito agli operatori dei Pronto Soccorso e dei centri antiveleni, in modo che sia piu' facile individuare e curare le intossicazioni causate dalle smart-drugs (ad oggi ancora poco conosciute e studiate).