sabato 9 luglio 2011

Quali caratteristiche hanno le persone creative?


Noi siamo abituati a vedere le persone creative come dei geni, come persone che nascono così e non lo diventano. Spesso anche queste stesse persone vogliono lasciare questa immagine di loro stessi, per aumentare l’alone di mistero che li circonda.
Ma la realtà dei fatti è che dietro la creatività ci sono alcune caratteristiche tutt’altro che mistiche. Vediamole:
Caratteristiche cognitive:
  • pensare in metafore – trovare i paralleli e somiglianze tra idee apparentemente impossibili, che trovano in qualche altro contesto
  • flessibilità e capacità nel prendere le decisioni – denota l’abilità di guardare ad una situazione da diversi punti di vista per generare molte categorie di risposte – richiede dalla persona di considerare una varietà di opzioni e prospettive prima di selezionarne una. Funziona più o meno così: pensare alle molte cose diverse che si potrebbero fare; pensare approfonditamente di ogni alternativa; scegliere una alternativa che considerate migliore; spiegare le ragioni della vostra scelta
  • indipendenza del giudizio – vuol dire la capacità di valutare le situazioni e prodotti da standard definiti da loro stessi. La dipendenza dal giudizio altrui spesso si mette in mezzo al pensiero creativo, in quanto per le cose veramente innovative non esistono gli standard definiti…
  • cavarsela bene con tutto ciò che è nuovo – se vi piace la novità allora vi piace anche lavorare con le idee nuove
  • capacità di pensare logicamente – anche se qualcuno pensa della creatività come opposto della logica o come barriera alla creatività stessa, se osservate bene le persone creative hanno eccellenti capacità logiche. Con queste capacità potete usare l’evidenza per trarre conclusioni, dare le motivazioni per i fenomeni osservati, o spiegare il processo del pensiero quando si elabora una informazione
  • visualizzazione – le persone creative riescono a visualizzare le cose che non riescono a vedere
  • capacità di evadere dalle trincee – chi riesce a scappare dalle trincee del pensiero delle loro idee quotidiane e considerare le cose in modi diversi, inusuali – guardare da un angolo diverso, una prospettiva diversa, o spaccare il solito pensiero per vederci dentro
  • trovare ordine nel caos – i personaggi più creativi preferiscono immagini più complesse e asimmetriche rispetto a quelle semplici e simmetriche. Il disordine dà alle persone creative l’opportunità di portare l’ordine nel caos a modo loro. Il piacere di trovare l’ordine è nel trovare il proprio ordine, e non quello imposto dall’esterno…
Caratteristiche personali:
  • volontà di prendere i rischi – soprattutto affrontare il rischio difallimento, e la valutazione di quali rischi vale la pena prendere e quali no
  • perseveranza, motivazione e dedica al compito – la volontà di continuare in faccia agli ostacoli e fallimenti, anche senza una immediato premio, e di essere concentrati sul compito per lunghi periodi. Le persone creative di solito persistono nei compiti selezionati da loro stessi e non imposti da altri
  • curiosità – le persone creative vogliono sapere come funzionano le cose, come pensano le persone, che cosa c’è là fuori e come ci è arrivato, chiedono il “perché?” per capire il mondo intorno a loro
  • apertura all’esperienza – per essere curioso, devi avere qualcosa di cui essere curioso. Le persone creative trovano sempre sorgenti delle domande, idee e problemi attraverso la loro apertura alle nuove esperienze, alla volontà di provare di fare qualcosa di nuovo e diverso. Significa anche l’apertura alle esperienze emozionali interne
  • tolleranza per l’ambiguità – uno non può essere aperto alle esperienze senza che sia tollerante all’ambiguità. Le soluzioni creative raramente arrivano da sole, ma emergono come sintesi di momenti di intuito, persistenza, e anche confusione. Quindi bisogna saper convivere con le idee formate a metà, le possibili soluzioni che potrebbero essere buone ma anche diventare migliori. Bisogna saper accettare il fatto che qualche volta la risposta giusta è semplicemente: “Non lo so…”
  • ampi interessi - se siete aperti alle molte esperienze, allora molte cose diventano interessanti…
  • dare valore all’originalità – le persone creative vogliono essere creative e danno molto valore alle idee originali rispetto alla ripetizione di qualcosa di già visto
  • intuito e emozioni profonde – i soggetti più creativi hanno percezioni intuitive molto più sviluppate rispetto alla popolazione generale. Esistono tre livelli di intuito: intuito razionale (mettere assieme i fatti noti e vederli con una luce nuova); intuito predittivo (elaborare il noto includendo nuove informazioni); intuito trasformativo (andare contro la spiegazione scientifica). Le condizioni che favoriscono l’intuito sono: rilassatezza; silenzio; attenzione focalizzata; attitudine ricettiva e senza pregiudizi; abilità di sintetizzare tutte le funzioni del cervello; novità e varietà nell’ambiente; incoraggiamento a fare processo intuitivo, opportunità di fare ipotesi logiche e testare le probabilità, di essere consapevole di errori e non perdersi d’animo quando vengono commessi
  • essere occupati internamente o ritirati entro se stessi – la ricercadelle attività creative richiede, per molte persone, molto tempo da soli